Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Cerca Facebook - studioagape Twitter Studio Agape Youtube - Studio Agape
condividi: share facebook tweet this email

Come eliminare le lesioni vascolari della pelle

ultimo aggiornamento 1/7/2017 5:04:19 PM

I nuovi Laser vascolari consentono risultati clinici eccellenti

Il lettino per gli interventi
L' approssimarsi dell'autunno e le prime giornate fredde e piovose aumentano la nostalgia dell'estate, che appare ormai un piacevole ricordo così come l'abbronzatura che allietava il nostro corpo. La pelle torna al suo normale colore ed è più facile osservarne eventuali cambiamenti o imperfezioni. E' possibile allora notare la comparsa, al volto e/o sul corpo, di lesioni di colore rosso più o meno estese, rilevate e numerose che prima non avevamo osservato, forse perchè cammuffate dal colore estivo. Con grande probabilità si tratta di nuove lesioni vascolari che sono insorte nel corso del tempo.  Le neoformazioni vascolari della pelle si manifestano con quadri clinici diversi, ad esempio possono comparire striature lineari più o meno estese e diramate (teleangectasie, tipiche quelle del volto e delle gambe), punti di colore rosso acceso circondati da piccole ramificazioni (angiomi stellati), lesioni rosse rotondeggianti e rilevate (angiomi rubino) o neoformazioni rosso-brunastre pianeggianti o in rilievo spesso presenti fin dall'infanzia (angiomi piani). Le lesioni vascolari si localizzano a livello del volto (guance, fronte, ala ed apice del naso), del tronco e degli arti inferiori ma tutta la pelle può esserne interessata. Sono lesioni benigne provocate da una eccessiva dilatazione dei vasi sanguigni localizzati nella parte superficiale della cute. Le cause sono molteplici, da una predisposizione genetica (spesso c'è una familiarità per disturbi vascolari o presenza di angiomi) a fattori ormonali, come nel caso dei capillari e degli angiomi rubino che compaiono in modo eruttivo durante la gravidanza e/o in seguito all'assunzione della pillola. Altre possibili elementi favorenti sono un' eccessiva esposizione solare e un uso improprio di lampade abbronzanti. Infatti la pelle ha come una "memoria" che consente di ricordare i danni subiti manifestando, a distanza di tempo, la comparsa di macchie, rughe e lesioni vascolari. Anche il fumo, alcuni trattamenti estetici e talora patologie epatiche possono favorire l'improvvisa comparsa di capillari e angiomi. Le lesioni vascolari cutanee pur non essendo pericolose rappresentano un inestetismo evidente e talora difficile da mascherare,  poichè lentamente aumentano in numero e dimensione. I trattamenti finora impiegati per la loro rimozione, dalla diatermocoagulazione alla crioterapia sino ai primi laser di uso chirurgico,  hanno dato risultati alterni. Sono infatti terapie aspecifiche che, insieme al vaso dilatato, rischiano di danneggiare anche la cute sana soprastante, con conseguente alto rischio di effetti collaterali (cicatrici, macchie). Fortunatamente questo problema è stato superato con l'avvento di nuovi sistemi Laser, in grado di eliminare in modo selettivo i vasi sanguigni ed attualmente è possibile utilizzare sorgenti differenti, a seconda del tipo di lesione vascolare da eliminare; ad esempio in presenza di angiomi piani del volto e/o del tronco (volgarmente definite voglie) il sistema laser più adatto ed efficace è il Pulsed Dye Laser, di cui sono adesso disponibli versioni molto avanzate ed efficaci. Questi nuovi laser emettono un raggio di 585-595 nm di lunghezza d'onda con  una durata di impulso variabile da 0.45 a 40 msec, attraverso manipoli di grande dimensioni (10-12 mm) forniti di particolari sistemi di raffreddamento cutaneo. Queste caratteristiche tecniche consentono di danneggiare solo la struttura vascolare dell'angioma che viene così gradualmente rimosso senza esiti cicatriziali, con risultati clinici  molto buoni *.  Al contrario in presenza di capillari del volto e/o delle gambe lo strumento più indicato è il laser Nd:YAG a impulso lungo, che emette un raggio di 1064 nm di lunghezza d'onda attraverso impulsi di lunga durata (msec); queste caratteristiche tecniche consentono, grazie al principio della fototermolisi selettiva, di eliminare in modo specifico le telangectasie cutanee**. Durante la seduta il raggio, rilasciato da un apposito manipolo associato ad un sistema di raffreddamento cutaneo (che, oltre ad avere un'azione anestetica, elimina il rischio di effetti collaterali), viene mosso lungo il decorso della lesione vascolare che è così sigillata senza danneggiare la cute. Nella maggior parte dei casi il trattamento è indolore o si avverte una lieve fastidio, paragonabile ad un colpo di elastico sulla pelle. La terapia post-operatoria è semplice e consiste nell'applicare una crema antinfiammatoria e una protezione solare per alcuni giorni. Il numero delle sedute, che durano pochi minuti e sono ambulatoriali, dipende dalla quantità e dimensione delle lesioni vascolari. I capillari più sottili scompaiono generalmente con un solo trattamento, invece se sono presenti lesioni più grandi e numerose, possono essere necessarie fino a due - tre sedute distanziate fra loro di 30 giorni.  È chiaro inoltre che il Laser, pur eliminando in modo selettivo i vasi sanguigni, non può modificare la predisposizione genetica a fare nuove lesioni; non è possibile perciò escludere la comparsa, a distanza di tempo, di nuove formazioni vascolari. L'estrema efficacia clinica, sicurezza e tollerabilità dei nuovi laser vascolari consentono però di effettuare trattamenti periodici, così da non avere mai i capillari presenti. Non c'è dubbio che il laser rappresenti una delle principali innovazioni in medicina ed in particolare in dermatologia. Come ogni tecnologia di alto livello necessita però di operatori esperti, in grado di fare una corretta selezione delle lesioni da trattare  e di apparecchi di alta qualità. Solo rispettando queste due condizioni è possibile sfruttare i grandi vantaggi che i Laser offrono nella rimozione delle neoformazioni vascolari evitando al contempo spiacevoli sorprese.

    * -      Pulsed dye laser for port wien stains: CordoroKM, Friedens LS. J Am Acad Dermatol.2010 Jun,62(6):1065-6. -      The pulsed dye laser for treatment of cutaneous conditions. Bernstein ET. G Ital Dermatol Vnereol.2009 Oct;144(5):557-72.     ** -      Clinical experience in the treatment of different vascular lesions using a neodymium-doped yttrium aluminium garnet laser. Civas E, Koc E, Aksoi B et al. Dermatol Surg.2009 Dec;35(12):1933-41 -      Long Pulsed ND:YAG laser for the treatment of leg veins in 40 patietns with assessments at 6 and 12 months. Trelles MA, Allones I, Martin Vazques MJ et al. Lasers Surg Med.2004;35(1):68-76.
Mediagallery
Correlazioni
Studio agape
Contatti Tour virtuale